google_pirata

Google rimuove link pirata…circa otto al secondo

Sin da quando ha lanciato il Transparency Report (database di link pirata), Google ha permesso di avere uno sguardo più preciso sulle attività antipirateria condotte dai signori del copyright.

A parte qualche breve calo, di tanto in tanto, ma comunque subito compensato, si può notare che il numero di richieste settimanali inviate a Google perché rimuova determinati link è andato crescendo con rapidità.

 

Una particolare accelerazione s’è registrata tra i mesi di luglio e di ottobre 2012, quando in una sola settimana sono arrivate 1,8 milioni di richieste di rimozione (più di 10 volte il ritmo tenuto precedentemente sin dall’inizio dell’anno).

Da allora, la crescita è stata pressoché continua: 2,8 milioni a novembre, 3,5 milioni a dicembre, 3,8 milioni a febbraio 2013, 4,47 milioni a marzo e, a settembre, il record attuale: 5,407 milioni di URL da rimuovere tra il 23 e il 29 del mese.

google_rimuove_link_pirata

google_rimuove_link_pirata

Rispetto a quando Google ha iniziato a tenere traccia delle richieste, l’aumento è pari al 4008%: il motore di ricerca è in pratica arrivato a rimuovere 8 URL al secondo, ogni giorno.

In mezzo a questa mole di indirizzi, è facile che – per dolo o per errore dei sistemi automatici di segnalazione – incappi anche qualche sito del tutto innocente. Ma Google, spesso, se ne accorge e reagisce.

Perché Google prenda in considerazione la rimozione di un link segnalato, è essenziale che esso conduca a una pagina almeno un collegamento a del materiale pirata.

 

Così, quando s’è vista recapitare una richiesta di rimozione per l’home page di The Pirate Bay, la società di Mountain View s’è rifiutata.

google_rimuove_link_pirata